Consumo di Suolo


 

Il suolo: un bene prezioso, un bene comune, di tutti noi!

Il suolo è una risorsa, limitata - come l'acqua e l'aria – e non rinnovabile. Esso è indispensabile per la vita sulla terra, in quanto consente la produzione di alimenti per tutte le specie animali terrestri e quindi anche per l'essere umano. Un bene comune dunque, da tutelare e preservare. Il suolo ha un valore ambientale, sociale, culturale ed economico, fondamentale per tutta la collettività. Un valore che viene quotidianamente eroso dall'inarrestabile attività edificatoria e dalla dissennata cementificazione dei nostri territori.

Ci stanno togliendo il terreno da sotto i piedi: il consumo di suolo in Lombardia

La Lombardia è una delle regioni più urbanizzate e cementificate d'Europa. Negli ultimi anni il suolo è stato consumato al ritmo di 90.000 metri quadrati al giorno (l'equivalente di circa 9 campi di calcio), per un totale di più di 3.000 ettari l'anno coperti da cemento ed asfalto, distrutti dall'edilizia residenziale e commerciale, da strade, impianti industriali, centri commerciali e capannoni: terra che non tornerà più, poiché è quasi impossibile che un terreno edificato possa tornare fertile.

I dati sul consumo di suolo in Lombardia, elaborati da Legambiente e dal CRCS - Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo, mostrano una situazione allarmante: dal 1999 al 2012 sono stati urbanizzati 44.776 ettari e si sono persi in maniera definitiva 60.290 ettari di superfici agricole. In meno di 15 anni le aree antropizzate sono passate dal 12,6% al 14,5%.

Provincia

Variazione aree urbanizzate

(1999-2012)

Variazione aree agricole

(1999-2012)

Varese

+7,3 %

-8,3 %

Como

+9,9 %

-7,5 %

Lecco

+10,9 %

-15,9 %

Sondrio

+23,8 %

-6,8 %

Milano

+12,5 %

-7,8 %

Monza e Brianza

+10,1 %

-13,9 %

Bergamo

+16,9 %

-8,2 %

Brescia

+18,8 %

-8,7 %

Pavia

+14,1 %

-3,9 %

Lodi

+20,3 %

-3,4 %

Cremona

+18,7 %

-2,5 %

Mantova

+23,3 %

-3,5 %

TOTALE LOMBARDIA

+14,8 %

-5,5 %

 

Perché dobbiamo mettere un freno al consumo di suolo?

Ognuno di noi ha bisogno di un po' di suolo. Il suolo su cui si produce la nostra dose giornaliera di alimenti, quello su cui crescono i boschi delle nostre escursioni, il suolo che è parte del nostro paesaggio. Ma anche il suolo distrutto per costruirci la nostra casa, o la strada che ci permette di muoverci a piedi, in bicicletta o in automobile. Da sempre l'essere umano ha consumato un po' di suolo per i propri villaggi e città. Ma da alcuni anni la situazione è cambiata: il consumo di suolo cresce molto più del fabbisogno abitativo. Anzi, si costruisce moltissimo senza nemmeno porsi il problema di dare una casa a chi ne ha bisogno.

Il consumo di suolo negli ultimi decenni ha significato:

- speculazione edilizia a vantaggio di pochi operatori immobiliari e a scapito dell'intera comunità
- uno stato di "dipendenza" per i comuni, che hanno lottizzato per ottenere entrate economiche tramite gli oneri di urbanizzazione.


Tutto questo ha un costo

E' risaputo: la speculazione immobiliare non produce sviluppo durevole, ma solo accaparramento di rendite. Negli anni in cui in Lombardia si è costruito di più non è cresciuto il benessere dei lombardi. Ma se guardiamo fuori dai nostri confini la situazione è anche peggiore: la speculazione finanziaria, legata al mercato immobiliare gonfiato, è stata una delle delle principali cause dell'attuale crisi economica globale!

Abbiamo assistito ad una crescita disordinata e 'sparpagliata' degli insediamenti, con gravi conseguenze ambientali e sociali: in primo luogo la perdita di qualità della vita, perché i centri storici si sono svuotati e le periferie sono diventate sempre più estese ed anonime, distanti da servizi e funzioni commerciali, dipendenti da un costoso e inquinante uso dell'automobile. E nel frattempo sono andati perduti preziosi terreni, a danno dell'agricoltura, attività economica che ha da sempre generato un grande valore nel nostro Paese.

03 Dic 2016
L'Europa ha bisogno di suolo fertile per tornare a crescere sana. È questo il messaggio lanciato oggi da Milano in vista della Giornata Mondiale del Suolo, indetta nel 2012 dalle Nazioni Unite e celebrata ogni anno il 5 dicembre. Per questo gli attivisti della campagna 'Salvailsuolo' hanno improvvisato un flashmob con 28 sacchi...
22 Nov 2016
Sul progetto del collegamento autostradale Bergamo-Treviglio Legambiente torna a ribadire la necessità di convocare il tavolo di concertazione che coinvolge tutti i portatori d'interesse: "La lettera da parte della Provincia di Bergamo ad Autostrade Bergamasche Spa che invita a non intraprendere alcun atto formale prima di aver...
19 Ott 2016
Per Legambiente la Martesana non ha certamente bisogno dell’espansione del Carosello di Carugate. Un’ipotesi di ampliamento di 31.000mq è improponibile, in un territorio già soffocato sia dal traffico locale che dalla connessione con la tangenziale e saturo dalla presenza di grandi aree commerciali, con una quota di suolo...
22 Set 2016
Un milione di firme per fermare il consumo e arginare il degrado del suolo: è l’obiettivo della ECI - Iniziativa dei Cittadini Europei People4soil, presentata oggi a Torino dal palco di Terra Madre, con l’obiettivo di ottenere una efficace legislazione comunitaria  per la tutela del suolo. In Italia la raccolta firme sar...
20 Set 2016
Solo un emendamento ha fermato l'inutile Toem-tangenziale Ovest Esterna, per il resto non si legge alcun ripensamento della Regione su infrastrutture già contestate, come il terzo ponte sul Po a Cremona, il tunnel dello Stelvio o il raccordo stradale Vigevano-Malpensa. Si tratta di uno spreco di risorse, un ingiustificato consumo di...
04 Ago 2016
Gli effetti negativi della legge Regionale 31 del 2014, che in teoria dovrebbe prevedere la riduzione del consumo di suolo, ma di fatto concede ampi terreni al cemento, cominciano a vedersi. La nomina di un Commissario per il completamento della procedura di adozione di un piano attuativo nel comune di Basiglio è da iscriversi tra questi....
29 Giu 2016
Esultano le associazioni ambientaliste, unitamente al Comitato Golfo Agricolo di Segrate, alla lettura dell'ultima, e definitiva, sentenza del Consiglio di Stato, chiamato in appello ad esprimersi sulla storica sentenza del TAR Lombardia del 27 febbraio 2015, che aveva già dato ragione a WWF e Legambiente (e con loro, al comitato di...
17 Mag 2016
Secondo i dati raccolti dal rapporto Ecosistema Rischio 2016 di Legambiente, in Lombardia il 14% del territorio è esposto a rischio idrogeologico. Si tratta di un'area di oltre 3300 kmq – pari all’estensione delle intere province di Varese, Como e Lecco messe insieme – soggetta a forte pericolosità per frane o...
12 Mag 2016
Diverse lettere sarebbero state recapitate ieri sulla scrivania del Ministro Graziano Delrio provenienti dalla commissaria europea per la Concorrenza Margrethe Vestager. Le missive chiederebbero conto delle decisioni prese dal Governo in merito ad alcune tratte autostradali, in primis la Brebemi. Per la A35 in particolare si paventa la possibilit...
03 Mag 2016
Legambiente si dice preoccupata di un’ulteriore espansione del Centro e della destinazione della terra e delle rocce da scavo estratte per la realizzazione del progetto, che verrebbero stoccate nell’area dell’ex Cava Noce.   “Riteniamo non corretta la definizione di recupero ambientale finalizzato all’utilizzo...
29 Mar 2016
L’idea di consumo di suolo e di riconoscimento della terra non edificata come risorsa non rinnovabile, sono acquisizioni relativamente recenti nel nostro Paese.  L’utilizzo della terra libera è uno dei temi più importanti per il nostro futuro, eppure la necessità di regolamentare questo bene comune non...
10 Mar 2016
Oltre 37000 ettari di spazi agricoli e naturali potranno essere cementificati da qui al 2025: è questa la proiezione che Legambiente calcola a partire dai dati che sono stati illustrati oggi alla conferenza di VAS del Piano Territoriale Regionale (PTR), lo strumento con cui Regione Lombardia traduce in indirizzi vincolanti la contestata...