Torna il Giretto d’Italia: Bike to work – bike to school


Il 21 settembre il 6° campionato della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente passa anche per la Lombardia

Quanto incide la bicicletta sul traffico quotidiano? Quante persone usano le due ruote per andare a scuola o al lavoro? Il Giretto d’Italia 2016, organizzato da Legambiente e VeloLove in collaborazione con Euromobility e in partenariato con il progetto europeo BikeToWork di Fiab, torna il 20 e 21 settembre per monitorare il traffico ciclistico in 16 città italiane. A vincere il trofeo saranno i centri urbani che segnaleranno il maggior numero assoluto di ciclisti.

Mercoledì 21, nell’ambito della Settimana europea della mobilità sostenibile, farà tappa anche in Lombardia, a Pregnana Milanese, dove verranno monitorati dalle 7 alle 10, i passaggi di coloro che scelgono la bicicletta per recarsi al lavoro. Il check-point sarà allestito presso lo stabilimento dell’azienda CNH Industrial, da tempo impegnata a promuovere l'adozione di obiettivi specifici mirati a integrare gli aspetti della sostenibilità nelle operazioni quotidiane.

“Sempre più cittadini scelgono questo mezzo di trasporto per gli spostamenti casa-lavoro o scuola e per le commissioni quotidiane per evitare il congestionamento stradale – spiega Claudio De Agostini, presidente del Circolo Legambiente di Parabiago Una pianificazione delle strade che assegni alle piste ciclabili un ruolo privilegiato è utile non solo nell’ottica di ridurre traffico e smog, ma anche per creare le premesse per un concreto miglioramento della qualità della vita urbana”.

Il Giretto d’Italia si propone di rendere visibile il traffico ciclistico delle città italiane, che normalmente non è misurato nelle indagini statistiche sullo stato della mobilità, ma che sarebbe utile in sede di programmazione e pianificazione della mobilità urbana.

"Il Comune di Pregnana sostiene tutte le iniziative volte a promuovere la mobilità sostenibile – dichiara Angelo Bosani, assessore alla Mobilità del Comune di Pregnana Milanese Il nostro Comune per estensione, diffusione della rete ciclabile e prossimità del trasporto pubblico su ferro ha tutte le caratteristiche perché gli spostamenti quotidiani possano avvenire utilizzando la bici come mezzo privilegiato. Ringraziamo, quindi, tutti i lavoratori e le lavoratrici che mercoledì lasceranno a casa l'auto e per andare al lavoro in bici, sperando che questo gesto "educativo" diventi un'abitudine per tutti."

Pubblicato il19 settembre 2016