Smog: polveri sottili spazzate dal vento, ma per 5 giorni livelli oltre i limiti. Serve più coraggio, è stato tradito il protocollo delle regioni


Legambiente: “Le istituzioni sembrano non prendere seriamente l’emergenza smog e restano alla finestra ad attendere che siano le condizioni meteo a ripulire l’aria. Serve più coraggio”  

“Domani è un altro giorno” era la frase simbolo del film Via col vento, ma sulla qualità dell’aria non si può procrastinare e sperare che sia, appunto, il vento a risolvere la situazione. Per 5 giorni consecutivi la qualità dell’aria nelle province di Milano, Pavia e Cremona è stata pessima, con picchi molto al di sopra dei limiti di legge di 50 μg/m³, come per esempio i 123 microgrammi per metro cubo registrati a Milano in viale Marche domenica 8 gennaio (vd. Tabella).

 

«Anno nuovo, situazione vecchia – commenta Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – Le istituzioni sembrano non prendere seriamente l’emergenza smog e restano alla finestra ad attendere che siano le condizioni meteo a ripulire l’aria. Ma non possiamo fare affidamento su vento e pioggia ogni qualvolta le concentrazioni di inquinanti raggiungono livelli di guardia, è necessario prevenire. Ne va della salute dei cittadini, costretti a respirare aria pessima ormai quasi quotidianamente. È chiaro che il Protocollo con le misure di emergenza in caso di superamento dei valori è stato tradito con l’eliminazione dell’automatismo, per cui se le polveri sottili sono elevate scatta il blocco come da protocollo. Nei primi 9 giorni dell’anno per ben 5 giorni si sono respirate polveri oltre il consentito, ma per mancanza di coraggio e di investimenti per misure strutturali in aiuto ai comuni e alle città lombarde, si pensa bene di puntare tutto sull’aiuto del meteo».

 

Il provvedimento della Regione, infatti, prevede anche che le procedure di applicazione dei livelli di attivazione e disattivazione delle misure temporanee di primo e secondo livello (che scattano dopo 5 giorni consecutivi in presenza di valori superiori ai 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili) tengano conto di eventuali previsioni meteorologiche, sulla base degli scenari di qualità dell'aria previsti. È stato inoltre previsto di adeguare le procedure di 'rientro al livello verde' di nessuna allerta. Il controllo dei dati rilevati dalle stazioni avviene quotidianamente, a partire dal 1° dicembre 2018, senza aspettare il lunedì o il giovedì per l'eventuale eliminazione dei blocchi.

 

Tabella 1 – Qualità dell’aria in Lombardia: superamenti dei livelli di Pm10 nell’aria, media giornaliera centralina peggiore (μg/m³)

 

Centralina

04/01/19

05/01/19

06/01/19

07/01/19

08/01/19

Milano, viale Marche

54

72

77

105

123

Pavia, piazza Minerva

66

71

68

67

107

Cremona, piazza Cadorna

57

68

84

103

93

Lodi, via Vignati

52

66

70

92

100

Monza, via Macchiavelli

-

57

60

84

111

Mantova, via Ariosto

-

73

79

83

55

Varese, via Copelli

-

96

-

60

71

Lecco, via Amendola

-

53

-

57

70

Bergamo, via Meucci

-

-

-

51

86

Brescia, Villaggio Sereno

-

-

-

71

72

Como centro

-

65

-

63

72

Sondrio, via Paribelli

65

-

-

54

50

 

Fonte: elaborazione dati Arpa Lombardia da parte di Legambiente Lombardia

Pubblicato il09 gennaio 2019