Plauso alla DDA di Milano per l'operazione contro il traffico di rifiuti


L’operazione di questa mattina è intervenuta per sradicare e portare alla luce una delle più vaste e articolate attività criminose in materia di rifiuti che siano mai state accertate in Lombardia". Così la prima dichiarazione della Presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto non appena raggiunta dalla notizia dei sequestri e degli ordini di custodia cautelare disposti dopo circa 2 anni di indagini. Il merito di questo va alla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, ai comandi dei Carabinieri e dei Carabinieri Forestali, a cui va il plauso dell'associazione.

La Lombardia, purtroppo, continua ad essere una delle regioni in cui si realizzano i più grandi traffici illeciti di rifiuti e la prima del nord Italia per numero di infrazioni nel ciclo illegale dei rifiuti, dove nell’ultimo anno sono stati accertati 400 illeciti e disposti 21 arresti in questo settore.

Un settore che anche a livello nazionale, secondo i dati dell’ultimo Rapporto Ecomafia di Legambiente, registra un aumento delle attività illegali: il 24% dei reati contro l’ambiente accertati in Italia ha riguardato i rifiuti e dal gennaio 2017 al giugno 2018, nell’ambito di 54 inchieste censite dall’associazione ambientalista, sono stati sequestrati più di 4,5 milioni di tonnellate di rifiuti.

“I dati statistici e i risultati delle indagini – conclude Barbara Meggetto – dimostrano che quello dei rifiuti è un settore in cui si continuano purtroppo a realizzare affari molto remunerativi ai danni dell’ambiente e di quegli imprenditori onesti che da anni scommettono sulla tutela e valorizzazione dell’ambiente come elemento di competitività e di responsabilità nei confronti della comunità. E’ necessario continuare a tenere alta l’attenzione e realizzare ogni sforzo possibile per rendere ancora più incisive le attività di prevenzione e repressione del fenomeno”.

 

 

 

Pubblicato il26 luglio 2018