Parchi protagonisti per il futuro della Lombardia


Le aree verdi tornino ad essere un'infrastruttura di sviluppo sostenibile per il territorio lombardoLegambiente: “I parchi migliorano la qualità della vita e generano nuova occupazione”

I parchi regionali bergamaschi sono un fulcro del sistema regionale delle aree protette, recentemente scosso dalla legge regionale che modifica le regole per la “governance” dell'istituzione parco. Questo ha comportato l'obbligo di cambiare gli statuti per adeguarsi alle nuove norme regionali ed è destinato forse a rivoluzionare la vita degli enti gestori dei parchi. Si è parlato di questo oggi durante un convegno dal titolo “Parchi ancora protagonisti?” che si è svolto a Bergamo durante la settimana che conduce al IX Congresso di Legambiente Lombardia in programma per il 22 e 23 ottobre.

“I rappresentati dei Parchi hanno risposto in maniera efficiente alle nuove regole e si stanno attrezzando per adeguarsi ai nuovi dettami – commenta Marzio Marzorati, responsabile Parchi di Legambiente Lombardia - Questo buona prestazione testimonia il grande senso di responsabilità di chi dirige le aree protette, considerato che costoro non ricevono da almeno un anno compensi per la loro attività. Auspichiamo che a questa buona volontà corrisponda da parte della Regione altrettanta capacità nel perfezionare l'iter di cambiamento della governance dei parchi. Legambiente attraverso il suo Osservatorio continuerà a monitorare questo passaggio ed eventuali intoppi, perchè siamo convinti di dover rappresentare un legame con le comunità locali che sono impegnate nella tutela del territorio”.

Ma Legambiente sottolinea anche la mancanza di un quadro chiaro per quanto riguarda le risorse che i parchi potranno utilizzare sia per la gestione che per i progetti territoriali. La questione delle risorse è centrale perchè i parchi rappresentano una vera e propria infrastruttura del territorio lombardo, essenziale per lo sviluppo sostenibile e il governo del territorio della nostra regione. Con la nuova legge la Regione assume un ruolo di vera protagonista nella gestione dell'ente parco. Per questo secondo gli ambientalisti è indispensabile definire al più presto un piano chiaro di risorse.

“E' necessario aprire una nuova stagione dei parchi – insiste Marzorati - perché possano tornare ad essere protagonisti non solo del loro indispensabile ruolo di conservazione del paesaggio e della natura, ma anche promotori dello sviluppo locale economico e agricolo. Sentiamo da parte delle comunità locali e dei cittadini la necessità di un forte rilancio, per la consapevolezza che avere un parco vicino migliora la qualità della vita. A questo bisogno popolare va data una risposta chiara che ancora oggi nella nostra regione manca”.

In Lombardia la funzione dei parchi non è solo quella di conservazione della biodiversità ma è anche quella di tutela degli ambiti di produzione agricola di qualità e di salvaguardia del paesaggio. Oggi la Pianura Padana è attraversata da centinaia di infrastrutture invasive, e nel futuro, con la realizzazione dell'autostrada BreBemi e di Pedemontana, lo sarà anche di più. Le nuove autostrade peggioreranno la vita di milioni di cittadini lombardi, ed inoltre frammenteranno il territorio, trasformando la ricca pianura in un labirinto di strade, spesso al di fuori di una pianificazione organica.

“Per questi motivi – conclude Marzorati - i parchi devono rappresentare il principale spazio a partire da cui progettare gli interventi di compensazione dell'impatto delle autostrade, che puntino anche a tutelare e consolidare la rete ecologica regionale finalmente istituita dalla nuova legge. Siamo consapevoli che la crisi economica tocca tutti gli ambiti della pubblica amministrazione, ma il sistema dei parchi deve essere un ambito in cui iniziare a fare veri investimenti, capaci di generare nuovi posti di lavoro, in primo luogo attraverso la valorizzazione e la differenziazione delle attività, produttive e di servizio connesse ad una sana imprenditoria agricola”.

Al VIA DOMANI: IX CONGRESSO LEGAMBIENTE LOMBARDIA

Bergamo, 22-23 ottobre 2011

Sabato 22 ottobre ore 14,00 - 20,00

Sala dei Giuristi - Palazzo della Ragione

Piazza Vecchia - Bergamo

Domenica 23 ottobre dalle ore 9.30 alle 14,00

presso il CineTeatro Qoelet

Via Leone XIII 22 – Bergamo

L'Ufficio stampa Legambiente Lombardia 02 87386480 – 349 1074971

Pubblicato il21 ottobre 2011