Milano Green Week: piantumazione collettiva di 200 piante lungo le sponde del Lambro


Appuntamento sabato 28 Settembre alle 9 al Parco Lambro grazie ai partner del progetto ReLambro

Il Parco Lambro sarà ancora più verde. Corniolo, Biancospino, Fusaggine ed altri arbusti sempreverdi: sono 200 le nuove piante che verranno messe a dimora con i cittadini sabato 28 Settembre grazie al progetto “ReLambro - La Rete Ecologica del Lambro metropolitano, progetto in azione: strategie pilota di attuazione integrata”,che mira alla realizzazione di interventi di ricucitura della rete ecologica urbana per la riqualificazione del fiume Lambro. La nuova piantagione punta a rafforzare la trama di verde forestale ai confini e dentro la città, con un’importante funzione di mitigazione del clima urbano, a supporto dell'intento del Comune di Milano di piantare 3 milioni di nuovi alberi entro il 2030.

 

L’occasione è la Milano Green Week che chiama a raccolta i cittadini milanesi in tante attività legate alla cura del verde e alla scoperta delle bellezze naturali del territorio. In quest’ambito i volontari saranno invitati a prendere parte ad una piantumazione collettiva di alberi e arbusti. L’appuntamento è alle 9 al Parco Lambro, con ingresso da via Civitavecchia (centro sportivo Enotria) per la consegna dei materiali. Dalle 9.30 alle 12.30 prenderanno il via le attività di messa a dimora e di pulizia delle aree limitrofe con la guida degli esperti di ERSAF. Alla mattinata saranno presenti l’Assessore a Urbanistica, Verde e Agricoltura del Comune di Milano Pierfrancesco Maran,il presidente di ERSAF Alessandro Fede Pellone, la presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto.

 

«È sempre più importante prendersi cura della qualità delle aree naturali, in particolare in ambito urbano e lo è sempre di più assieme a istituzioni, associazioni e cittadini. Il fiume Lambro potrebbe avere una straordinaria occasione di diventare una reale spina dorsale ecologica della città– sottolinea il presidente ERSAF Alessandro Fede Pellone –. Pensiamo ai parchi, non più come grandi ordinate aiuole, ma come a ricche foreste urbane in cui potersi ri-generare, pensiamo anche agli sconvolgenti dati sul recente rapporto sul consumo di suolo (ISPRA 2019), spesso a scapito delle aree verdi anche nell’area metropolitana milanese, che ci chiedono di impegnarci in interventi concreti e che grazie al progetto Re Lambro stimoleremo anche nei prossimi anni».

 

Il progetto ReLambro gode del co-finanziamento di Fondazione Cariplo e vede impegnati ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste), il Comune di Milano, il Municipio 3, Legambiente Lombardia, Parco Media Valle Lambro, il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano e il contributo e supporto dei Contratti di fiume.

 

«Il progetto ha lo scopo primario di restituire il fiume ai territori e i territori al fiume – spiega Lorenzo Baio, responsabile del settore Acqua di Legambiente Lombardia Il Lambro è un capitale che la metropoli milanese deve riscoprire e di cui deve riappropriarsi: da decenni denunciamo gli inquinamenti, le illegalità e le carenze del sistema depurativo del fiume. Oggi i primi sforzi stanno producendo risultati, le acque e le sponde del fiume tornano a vivere. Il progetto ReLambro è la dimostrazione che le città possono conciliare società, servizi e biodiversità, attraverso la creazione di ambienti ecologicamente sostenibili, politicamente partecipativi e culturalmente vivaci».

 

Per informazioni sul progetto ReLambro: www.contrattidifiume.it

Pubblicato il25 settembre 2019