Il Lambro fosforescente lancia un allarme a tutti


Servono controlli più efficaci per prevenire scarichi e rilasci impropri.

Questa mattina gli abitanti del fiume Lambro si sono svegliati con una sorpresa. Il loro fiume da azzurro (o quasi) si è trasformato in un sentiero verde fluorescente. Questo a causa del rilascio in fognatura, nelle ore notturne, di fluoresceina, un colorante che, quando viene eccitato da raggi ultravioletti emette appunto una intensa fluorescenza di colore giallo-verde, molto caratteristica.

Fonti ufficiali confermano che lo scarico è avvenuto subito a nord di Milano nella rete fognaria. Ma attualmente sono in corso di svolgimento gli accertamenti necessari ad individuare da quale insediamento produttivo.

A parte i dati ufficiali, questo è solo uno, sebbene il più scenografico, dei casi di sversamento che si stanno riscontrando ultimamente nei fiumi lombardi. E purtroppo la storia ci insegna che ancora ad oggi aziende o singoli individui colgono l'occasione del periodo estivo, quando i controlli sono più lassi, per eliminare sostanze o prodotti stipati nei periodi di maggiore attività.

“L'evento di oggi ci richiama, purtroppo, alla memoria lo sversamento di idrocarburi di Villasanta del 2010 – dichiara Barbara Meggetto presidente di Legambiente Lombardia – ma fortunatamente, in questo caso si tratta di un prodotto innocuo, ameno per quanto ne sappiamo ora. E' chiaro però che qualcosa, nella macchina dei controlli e dei presidi del sistema depurativo non funziona se ci ritroviamo ancora qui a parlare di scarichi impropri nel 2018”

Due le richieste che gli ambientalisti ritengono prioritarie:

- potenziare un sistematico programma di verifiche degli scarichi industriali nel bacino del Lambro, ma anche del Po, per reprimere i fenomeni di illegalità che si ripetono con frequenza, anche se non assumono la gravità e la visibilità della recente catastrofe.

  • - Spingere affinché si raggiunga in tempi ragionevoli l'obiettivo di qualità “buono” imposto dall'Unione Europea partendo proprio dal caso emblematico del fiume Lambro

 

Pubblicato il25 luglio 2018