Goletta dei laghi 2017: blitz alla ex Stoppani di Sarnico per chiedere una bonifica vera dell'area industriale


Durante la giornata di campionamento della acque del lago d’Iseo per l’analisi delle microplastiche, l’equipaggio di Goletta dei Laghi e i rappresentanti del circolo locale di Legambiente hanno condotto un sit-in a Sarnico, davanti alla ex Stoppani. Nell’area della fabbrica di vernici dismessa da anni, è previsto un progetto di 18.400 mq destinati ad abitazioni e un nuovo supermercato. Il piano di riqualificazione non convince l’associazione, che chiede maggior chiarezza sull’azione di bonifica che dovrà essere fatta: «Secondo lo studio preliminare si tratterebbe solo di una copertura dell’area, dove per anni è stata attiva un’azienda che lavorava con materiali altamente inquinanti. Non basta, serve una bonifica profonda» sottolinea Dario Balotta, presidente del circolo di Legambiente Basso Sebino.

Tutta la costa, denuncia Legambiente, è sottoposta alla minaccia continua della cementificazione. Secondo i dati diffusi da Ispra nel 2016 le aree più urbanizzate del Sebino sono quelle di  Paratico e, appunto, Sarnico. Nei 16 comuni rivieraschi delle provincie di Brescia e Bergamo negli ultimi anni è stata urbanizzata una quantità di territorio pari a 146 ettari, più di 60 metri quadri al giorno.

«Nonostante la crisi del mercato edile e la quantità di alloggi vuoti sul lago, si continua a costruire. - prosegue Dario Balotta - L' unico effetto è la saturazione di ogni spazio libero, rendendo pesantissimo l'impatto ambientale del cemento sul territorio. La tutela delle aree lacustri deve diventare un imperativo per tutti i comuni del lago. Il lago d'Iseo perde in competitività turistica se non mette un freno alla cementificazione».

Comune

Percentuale di suolo consumato sulla superficie amministrativa

Percentuale di suolo consumato

entro 150 metri di distanza dai corpi idrici permanenti

Paratico

28,77

26,86

Sarnico

21,94

20,85

     
     

Iseo

10,50

5,84

Sulzano

9,92

13,19

     

Sale Marasino

7,58

14,81

     

Tavernola Ber.sca

6,45

5,39

     

Predore

6,04

7,70

     

Marone

5,15

4,17

Monte Isola

4,46

2,83

Fonte dati: Ispra 2016


Intervista di Dario Balotta:

See video

 

Pubblicato il02 luglio 2017