Ampliamento degli impianti sciistici a Livigno: il tar accoglie il ricorso di Legambiente


"La Vallaccia è salva! Ora la società degli impianti si ritiri, ma non prima di aver ripristinato l’integrità dell’area"

È stata una lunga attesa, considerata anche la complicazione del procedimento amministrativo impugnato, ma alla fine la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale è arrivata. E gli ambientalisti esultano: il TAR Lombardia ha, infatti, accolto il ricorso di Legambiente che contestava la decisione di realizzare un nuovo impianto di risalita con annesse piste nel cuore della Vallaccia, convalle parallela alla valle di Livigno e, finora, incontaminata. La Vallaccia, ammantata di pascoli e prati sul fondovalle, ha conservato intatto il suo antico carattere rurale, ed è protetta sia dal Piano Paesistico della Lombardia che dalla rete europea Natura 2000, in quanto riconosciuta sito naturalistico di interesse comunitario.

La società impianti Mottolino Spa, proponente dell'impianto, ha sempre contrapposto alle ragioni degli ambientalisti - supportate anche dal parere della Soprintendenza – l’argomentazione che non si trattasse di un nuovo impianto ma della ricostruzione di una struttura già esistente. Una tesi che gli ambientalisti, difesi dall'avvocato Franceso Borasi del centro di azione giuridica di Legambiente, hanno sempre contestato: non solo la stazione di partenza della funivia dismessa si trova a ben tre chilometri da quella prevista in Vallaccia, ma tutti gli atti di pianificazione, dal PGT di Livigno, al PTCP della Provincia di Sondrio, fino al Piano Territoriale dell'Alta Valtellina, non contemplano alcun ampliamento del dominio sciabile all'interno della Vallaccia. Le pernici alpine, dunque, possono tornare a nidificare in tutta tranquillità lungo il versante nord della Vallaccia, nessuna pista da sci è prevista, né consentita lungo il crinale.

"Siamo soddisfatti di questa conclusione di un contenzioso che dura da troppo tempo - dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia - il TAR si è pronunciato in modo inappuntabile e lineare. La natura e l'agricoltura devono tornare ad essere padroni della Vallaccia, insieme a forme di turismo sostenibile che sappiano apprezzare l'esclusività di questa valle, unica nel suo genere nel panorama delle Alpi lombarde. Ora alla società degli impianti chiediamo di ritirarsi definitivamente, ma non prima di aver ripristinato l'integrità dei luoghi".

La sentenza del TAR Lombardia è importante anche perché ha ristabilito un principio di certezza del diritto: gli amministratori di Livigno e della Comunità Montana, infatti, di fronte all'impossibilità di chiudere la Conferenza di Servizi per autorizzare l'impianto per i troppi motivi ostativi legati alla pianificazione paesaggistica e alle direttive comunitarie, avevano addirittura coinvolto il Consiglio dei Ministri, il quale, con un provvedimento di alta amministrazione aveva ritenuto di superare l'impasse e autorizzare le opere. Il TAR ha messo la parola fine: la procedura intrapresa è contemplata dalla legge per velocizzare provvedimenti, ma l'atto che ne consegue non può essere discrezionale, quindi in nessun caso può agire contro le norme vigenti, specie se in assenza di una motivazione adeguata e tecnicamente supportata. 

Pubblicato il12 luglio 2016