Legge 146 "Misure per la crescita, lo sviluppo e l'occupazione" Legambiente chiede di stralciare l'articolo 36


LETTERA APERTA 

Ai Signori Consiglieri Regionali
Alle Signore Consigliere Regionali

Consiglio Regionale della Lombardia



Illustrissimi/e,
il Consiglio Regionale della Lombardia è chiamato al voto sul progetto di legge 146 'misure per la crescita, lo sviluppo e l'occupazione', le cui finalità, per come sviluppate da diversi articoli, sono certo condivisibili ancorchè frammentarie e tardive rispetto alla gravità della situazione economica attraversata dalla Lombardia. Abbiamo avuto modo, nel corso dell'audizione in commissione Ambiente, di esporre i nostri punti di vista relativamente a diverse criticità e nodi irrisolti, ma quanto ci preme in quanto momento rappresentare e sottoporre alle vostre coscienze è l'articolo 36, avente ad oggetto l'ampliamento dei contenuti della concessione di autostrada regionale, costo delle opere e misure compensative. Vi sono molti e fondati motivi per cui tale articolo risulta non pertinente all'oggetto della norma ed inaccettabile sotto il profilo etico e dei fondamentali economici che giustificano la realizzazione di infrastrutture autostradali.
E' evidente che tale articolo tenta di sanare una situazione che si trascina da decenni e che vede la nostra regione priva di una pianificazione strategica della mobilità, talchè le singole opere vengono pianificate e progettate in assenza di una visione complessiva della domanda, di una sua appropriata quantificazione nonchè di una qualificazione dei bisogni che dovrebbero motivarne la realizzazione e supportarne i costi: la precarietà e l'indefinizione contrattuale di tutti i project financing in essere trae origine proprio da tale vistosa carenza, che motiva la prudenza dei player chiamati a sostenere investimenti teoricamente molto redditizi, quali sono le concessioni autostradali.
Tuttavia la soluzione proposta è peggiore del male, nel momento in cui estende alle concessioni di autostrade regionali una facoltà, già ahinoi prevista (peraltro senza particolare successo, viste le difficoltà del settore immobiliare) per le opere di interesse nazionale concorrente, consistente nel rendere funzionali alla concessione interventi insediativi, per come previsti dall'art. 10 l.r. 15/2008, in aree anche esterne al perimetro di concessione. Tradotto in parole più semplici, questa soluzione significa che, se un'autostrada NON si giustifica in termini di domanda d'uso, allora è facoltà del concessionario prevedere una copertura di costi attraverso qualsivoglia intervento insediativo-immobiliare (la definizione dell'articolo è sufficientemente generica allo scopo) che garantisca un profitto. In questo modo si fornisce una piena copertura istituzionale ad investimenti di natura speculativa impostati sulla generazione di una rendita autoreferenziale all'opera: le autostrade non sono più un servizio ad un territorio che esprime un bisogno di mobilità, ma divengono assi dorsali di giganteschi progetti immobiliari, con clausola di esclusività a vantaggio del concessionario, che diviene di fatto il principale attore della pianificazione urbanistica lungo l'intera dorsale interessata dall'opera, sostituendo di fatto potestà e competenze degli enti territoriali. Gli effetti devastanti di una tale facoltà sono facilmente prevedibili per i territori dell'agricoltura lombarda, in termini di progressione del consumo di suolo ben oltre lo stretto necessario ad ospitare il sedime dell'opera, e di espansione virtualmente illimitata di fenomeni di sprawl insediativo, secondo un modello dissipativo di territorio e risorse che la nostra Regione da tempo non può più permettersi.
A rendere ancora più inaccettabile la norma vi è poi la previsione circa la riduzione degli oneri compensativi ambientali, che devono risultare compresi tra un massimo del 5 e un minimo dell'1% dei costi complessivi. Premesso che nel resto d'Europa le compensazioni ambientali sono normalmente parte integrante delle opere, con onere nell'ordine del 7% mentre in Lombardia tale onere è ordinariamente molto più basso e, normalmente, irrealizzato (poichè le compensazioni ambientali vengono in genere barattate con altri interventi, per nulla ambientali, nella contrattazione con gli enti locali), è vergognoso che in una legge che parla di sviluppo le opere ambientali vengano concepite come un ostacolo, come se il lavoro delle imprese che realizzano compensazioni ambientali valesse meno di quelle che fanno movimento terra o smaltimento (ci si augura lecito) di inerti. Ma illogico e perfino grottesco è il sorprendente principio in virtù del quale la compensazione debba venir computata 'in misura inversamente proporzionale all'intero costo dell'opera'. Se è del tutto evidente che la prassi dovrebbe essere esattamente opposta, in quanto un'opera ha impatti maggiori quanto più è grande, questo principio è di fatto un incentivo a fare opere più grandi e costose, a prescindere da qualsiasi considerazione di necessità e appropriatezza al bisogno. Si tratta di un principio che va nella direzione di una economia speculativa e superdebitoria, che non ci sembra corrisponda alle esigenze del momento, e che è stata smentita dalla prassi recente: valga in ciò l'esempio, ormai riportato anche nei manuali accademici, del fallimento annunciato di Brebemi. Opera con costi attualmente stimati (considerando assieme BreBeMi e TEM, di fatto un unico progetto) in quasi 4 miliardi di euro al netto di tutt'ora imprecisati oneri finanziari e che, alla sua origine, era stata concepita per risolvere il nodo di traffico della tratta Milano-Bergamo della A4. Ebbene, quel nodo di traffico si è risolto con la realizzazione della 4a corsia tra Milano e Bergamo, un'opera sicuramente meno costosa della TEM-Brebemi, ma molto più funzionale a risolvere il problema. E Brebemi è rimasta un'opera orfana di senso, e priva di una aspettativa di rientro economico a causa del venir meno (peraltro annunciato da molti analisti) degli importanti flussi di traffico che avrebbero dovuto derivare dallo shift di tracciato.

Per tutto quanto detto, a nome e per conto di Legambiente Lombardia ma interpretando una sensibilità e una indignazione sempre più diffusa e incalzante, vi invito fortemente a voler STRALCIARE l'intero art. 36 della norma in oggetto, approvando una legge che si concentri sugli aspetti qualificanti che pure sono rintracciabili in alcuni articoli del testo, e che indicano come prospettiva di sviluppo quella di una economia impostata su chiari indirizzi di efficienza nell'utilizzo delle risorse finanziarie, energetiche, ambientali e territoriali della Lombardia.

Damiano Di Simine
Presidente, Legambiente Lombardia

Pubblicato il02 aprile 2012